Piccoli fratelli crescono

il Tesoro nel campo: Piccoli fratelli crescono…!!!

brothers, by michelleannb, flickr

Un grido attraversa la casa, mi sembra il più piccolo, andiamo a vedere che cosa è successo… certo che all’ora di cena ne capita sempre una…

Mi ha tirato i capelli, piange il più piccolo
Ha costruito una casa come la mia! Lamenta il più grande.

Come direbbe la segretaria del nostro pediatra, è la cosiddetta ora delle coliche, quell’orario tra le 7 e 8 di sera, in cui di solito si concentrano gli urti della giornata: litigate, voli dal divano, vasche che tracimano in bagno, quell’ora in cui noi adulti siamo stanchi e i bambini ancora di più, quell’ora in cui la tentazione della sgridata arrabbiata è più forte…

Spiegatemi meglio, forse stasera riesco a resistere alle tentazioni… o forse sono davvero stanca!
Ha costruito una casa come la mia, guarda e il più grande mi mostra una casetta di lego molto simile alla sua, eccetto il tetto forse…
Ma lui mi ha tirato i capelli! Mi siedo per terra e prendo il più piccolo sulle gambe, gli strofino la testa con qualche bacio in aggiunta, Va meglio? Il più grande ci guarda, in piedi.
Mamma, sono dispiaciuto, mi dice il più grande e si siede vicino a noi
Allora chiedi scusa a tuo fratello e poi spiegami bene perché è successo
Vedi… io vorrei essere più piccolo… mi dice il più grande.
E perché?
Perché così lui sarebbe ancora nella culla e non potrebbe fare tutto quello che faccio io!

I fratelli minori crescono… e se da un parte è bellissimo fare tanto cose insieme (prendersi per mano andando all’asilo, giocare, fare il pisolino nello stesso letto) dall’altra, se lui fa quello che faccio io, a me che cosa resta? Si chiede il primogenito, una domanda che mi sono posta anche io tante volte…

Intanto siete persone diverse, non potrete mai fare proprio le stesse cose, allo stesso modo; anche se è vero che siete fratelli e quindi vi conoscete benissimo e vi volete bene, davvero non potrete mai fare le stesse cose e sapete perché? Ciascuno di voi ha le sue preferenze, le cose che gli piacciono o meno…
Sì, però lui mi copia!

Piuttosto, ti imita perché ti vuole bene e pensa che tutto quello che fai è bello e interessante, ma non potrà mai copiarti in tutto, perché avrà sempre le sue preferenze e le seguirà alla fine… guarda il suo tetto!

Lo guardiamo tutti: il tetto si staglia di fronte a noi con il valore di una prova indiscutibile (almeno spero!).

Arduo compito quello di sostenere ciascun figlio nelle sue peculiarità e nelle sue caratteristiche originali, valorizzandole tutte però! Ne siamo davvero consapevoli? È proprio vero che il primo figlio fonda la famiglia, il secondo la fratellanza… e con la fratellanza, la diversità, che esiste in ciascuno di noi, come progetti unici di Dio, anche se somigliantissimi come due fratelli.
Allora genitori, dato che finora non eravamo abbastanza stanchi (l’ora delle coliche vale anche per noi?), diamoci un nuovo compito da perseguire: valorizziamo le diversità nei nostri figli, in modo che ciascuno di loro abbia il suo ambito, le sue specificità: gli regaleremo la fiducia di credere in loro stessi e nelle loro aspirazioni. Oppure…

Ma senti mamma, mi dice il più grande,
Dimmi…
Non potremmo semplicemente rimandare mio fratello in paradiso? È un bel posto!

Reblog this post [with Zemanta]

Informazioni su Vittoria

wife, mother of three, science teacher
Questa voce è stata pubblicata in coppia&famiglia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Scrivi il tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...