Crisi e difficoltà della vita matrimoniale

Le crisi e le difficoltà della vita matrimoniale si vincono con l’aiuto di Dio


Ha un povero concetto del matrimonio – che è un sacramento, un ideale e una vocazione – colui che pensa che l’amore finisca quando iniziano le pene e i contrattempi che la vita porta sempre con sé. È proprio allora che il legame d’affetto si rafforza. La piena delle tribolazioni e delle contrarietà non è capace di spegnere il vero amore: il sacrificio generosamente condiviso rafforza l’unione.  (Colloqui, 91)

Occorre imparare a tacere, ad attendere, a dire le  cose in modo positivo, con ottimismo. Quando è il marito a perdere la calma, è il momento in cui la moglie deve essere particolarmente paziente, finché la serenità torna di nuovo; e viceversa. Quando l’affetto è sincero e ci si sforza di farlo crescere è ben difficile che tutti e due si lascino dominare dal malumore nello stesso momento. (Colloqui, 108)

Non abbiamo mai tutta la ragione. Si può addirittura dire che, in questioni di solito tanto discutibili, quanto più siamo sicuri di avere tutta la ragione, tanto più è certo che abbiamo torto. Se si ragiona in questo modo, riesce semplice alla fine rettificare e, se occorre, chiedere scusa, che è il modo migliore di concludere un’arrabbiatura; e così si assicurano la pace e l’affetto. (Colloqui, 108)

____________________________

da http://www.josemariaescriva.info/docs/novenafamiglie.pdf